COTTURA SOTTOVUOTO DI DOLCETTI NEI BARATTOLI

barattolo lungo

Cottura sotto vuoto nei barattoli

 Oggi voglio parlarvi di un metodo di cottura straordinario, la cottura sotto vuoto in barattoli di vetro. È una tecnica molto usata in Germania, quasi sconosciuta qui da noi, un ottimo sistema per avere sempre a disposizione (quando siamo colte da un’ insana voglia) un dolcetto, senza doverlo scongelare, o correre a comperarlo e, “dulcis in fundo”, è anche una splendida idea regalo.

I dolci così preparati durano moltissimo tempo se chiusi (sotto vuoto) nel barattolo dove sono stati cotti, in alcuni casi fino a sei mesi. I barattoli devono rispondere a degli specifici requisiti soprattutto di forma, stretti sotto e larghi all’imbocco i migliori sono quelli della Weck , ma se volete provare subito la cottura in attesa di procurarveli potete riciclare i barattoli della marmellata “Zuegg” o “Bonne maman” (marmellate reperibili nei supermercati). Io sono rimasta folgorata quando, girovagando su internet, mi sono imbattuta nella spiegazione di questi dolcetti, una moltitudine di bloggers che chiedevano dettagli sull’argomento e anche io come loro sono stata rapita dalla tecnica di cottura (illustrata da Marina B su il blog Coquinaria), semplice ed ingegnosa; quindi non perdiamo altro tempo e vediamo come fare.

Barratoli Weck

Barratoli Weck

 

Potete dare spazio alla vostra creatività e preparare diversi tipi di dolce con questa tecnica, dai classici ciambelloni, pluncake, muffin e crostate morbide sino agli impasti lievitati come ad esempio i babà. Procederemo alla preparazione dell’impasto nella maniera classica, poi quando arriveremo al punto di trasferire il nostro impasto, preferiremo un barattolo, alla classica teglia. Riempiremo i barattoli per metà, imburrati ed infarinati, facendo attenzione a non sporcare i bordi di chiusura, poi li metteremo al forno su una leccarda distanziati fra loro procedendo alla cottura. Successivamente, si sforneranno e subito verranno chiusi con il coperchio, così il calore creerà il sottovuoto. 

CAKE AL CIOCCOLATO E AL COCCO DA”PIU’ DOLCI” DI LUGLIO E AGOSTO 2009

Ingredienti per 3 vasetti grandi + 2 piccoli oppure uno stampo da plum cake:

160 g. farina

50 g. fecola

120 g. zucchero

100 g. burro

30 g. latte

60 g. yogurt

80 g. uova (circa 2 uova piccole)

8 g. lievito (1/2 bustina)

20 g. farina di cocco (al posto del cocco si possono mettere 2 cucchiaini di caffè solubile, oppure orzo solubile)

50 g. cioccolato fondente tritato (io ne ho messo 80 g.)

1 pizzico sale

Montare bene il burro con lo zucchero finché diventa morbido e cremoso, quindi aggiungere le uova sbattute in maniera graduale, quindi aggiungere il latte mescolato con lo yogurt a temperatura ambiente. Setacciare anche la farina mescolata alla fecola e al lievito e aggiungerla al composto insieme al sale. Quando il composto e ben amalgamato, unire anche la farina di cocco(oppure caffè, orzo etc.) ed il cioccolato tritato.Versare l’impasto nei vasetti precedentemente imburrati ed infarinati.

 barattolicon dolce     barattolo dolci cioccolato     dolce barattolo

 

Riempire i vasetti a metà, perché se si mette troppo impasto, poi non chiudono. Infornare a 180°e far cuocere per circa 30 minuti. Appena si tolgono dal forno vanno chiusi con i tappi, in modo che poi raffreddando entrino “sottovuoto”.

Trasferire su una gratella e far raffreddare, quindi conservare in dispensa.

  

BABA’ SOTTO VUOTO X 10 PORZIONI

babà sottovuoto  

Per la pasta:

farina gr.240

burro gr. 80

zucchero gr. 40

uova 4

lievito di birra gr. 20

sale fino gr. 4

tempo di lievitazione 2 ore

tempo cottura 15 min a 180°

Con un terzo della farina fare un panetto: sciogliere il lievito di birra in 2-3 cucchiai di acqua tiepida e amalgamarlo alla poca farina. Lavorare la pasta col polso, renderla liscia quindi metterla su un piatto infarinato a lievitare per una trentina di minuti. Quando si gonfia porla in una ciotola concava, versarvi le uova, il burro tenuto per qualche ora a temperatura ambiente e amalgamare con le dita. Aggiungere la restante farina, lo zucchero e il sale. Ottenuto un impasto morbido, sbatterlo più volte nel modo seguente: prenderlo tra le dita, sollevarlo e sbatterlo nella stessa ciotola fino a quando presenta delle bolle. A questo punto lasciarlo nello stesso recipiente per circa 40 minuti a lievitare, rimpastare e lasciar riposare per altri 20 minuti. Quando è cresciuto, metterlo in 10 vasetti piccoli imburrati ed infarinati. Riempire i vasetti fino a metà, quindi informare in forno già riscaldato a 180′ per 15 minuti, sfornare e

chiudere subito i vasetti così quando si raffreddano creeranno il sottovuoto.

SCIROPPO AL RHUM

rum  .babarumpg

acqua cl. 30

zucchero gr. 160

rhum dl 1e1/2

Preparare lo sciroppo facendo bollire per un paio di minuti l’acqua con lo zucchero, quando lo zucchero si sarà sciolto spegnere la fiamma e aggiungere il rum. Togliere il babà dal vasetto metterlo su un piatto fondo e versarvi lo sciroppo caldo su tutti i lati. N.B. lo sciroppo al babà verrà aggiunto solo quando dovremo consumarlo, quindi fate lo sciroppo a seconda del numero di babà da irrorare. Credo che vi verrà subito voglia di sperimentare questa fantastica tecnica di cottura. Io ho dedicato giorni interi alla cottura sottovuoto e vi garantisco che oltre tutto è anche molto divertente e ricordate che la cucina è arte, amore, passione: è sufficiente avere anche uno solo di questi elementi per cucinare bene.

Alla Prossima

 

Annunci

Informazioni su chefsandracapuano

Sono una personal chef appassionata della cucina tradizionale italiana. Ho cucinato e scritto di cucina, ho creato eventi e collaborato alla realizzazione di prodotti televisivi e testate web, ho tenuto e tengo corsi nella mia scuola romana di cucina “La casa delle salse succose”, soprattutto per trasmettere ad altri il piacere vissuto di un’infanzia fatta di profumi antichi ed appetitosi e di piccole piacevolissime ma indimenticabili soddisfazioni del gusto. Se vorrete qualche consiglio culinario e ricette non esitate a contattarmi via mail, così come se doveste organizzare una cena io sarò a vostra disposizione e sono in grado di spendere sicuramente meno di quello che spendereste voi. Chef Sandra Sandra Capuano N.b. essendo io megalomane non riesco a sfrondare più di tanto Sandra Capuano N.b. essendo io megalomane non riesco a sfrondare più di tanto
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, COTTURE PARTICOLARI, cucina, dolci, ricette e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...